Alterazioni

di Aa. Vv.

€ 25,00
€ 21,25 sconto WEB 15% e spedizione postale gratuita
Collana: Fuori collana , Novità
ISBN: 978-88-6799-564-6

Formato: 20x22,5
Pagine: 144
Legatura: brossura

A cura di Elisabetta Meccariello. Prefazione di Roberto Incerti. Con i contributi di Silvano Panichi, Rodrigo Garcia, Massimiliano Civica, John Jesurun, Mimma Gallina, Branko Brezovec

Tutto nasce da un bisogno, un'urgenza. Fare teatro dipende necessariamente da queste condizioni. Senza passione, senza un desiderio, il teatro non può esistere. Ci sono tanti modi di fare teatro, la differenza sostanziale tra stare sul palco e trasformare quel sogno in un progetto tangibile sta nel porsi le giuste domande. Non solo perché faccio teatro, ma per chi (cit. M. Civica). Focalizzare il "tu" di riferimento è lo strumento per definire la propria identità e individuare contenuti e mezzi di ciò che s'intende comunicare. Ma per parlare di impresa culturale è fondamentale introdurre ulteriori elementi, dinamiche, meccanismi.
Cosa vuol dire? Come si costituisce? Cosa deve fare una giovane realtà teatrale per consolidare una visione artistica in occasione di lavoro?
Questo volume è una riflessione sull'esperienza della Compagnia Laboratorio Nove, oggi AttoDue, un percorso di trent'anni segnato da incontri, confronti, cambi di direzione. Qual è l'origine della Compagnia, come si è evoluta e ha affrontato le crisi, cosa ha assimilato da autori, interpreti e registi, come si è posta di fronte ai cambiamenti? Quello che emerge è proprio un'idea di possibile impresa culturale, un modello improntato sulla fluidità, sull'apertura all'altro, sulla capacità di mutare in base al vissuto, è un modello che impara, cresce, ingloba i contributi esterni, elabora un metodo, ascolta il tempo in cui vive. Forse, un esempio per nuove generazioni di amanti del teatro.

 

Seguici su